Home arrow NOTIZIE arrow Notizie dall'Italia arrow Servitý militare per l'aeroporto civile di Catania
Mercoledi, 19 Dicembre 2018
Menu redazione
Home
Chi siamo - Who we are
Dove siamo
Contatti-redazione
Notiziario
Comunicati
Appelli
Notizie dall'Italia
Notizie dal Mondo
English-Spanish-news

Condividi

Sezioni
Basi USA-NATO ITALIA
Link
APPROFONDIMENTI
INIZIATIVE
NOTIZIE
Multimedia
Galleria fotografica
Filmati
Mat.propaganda
Archivio per data
Visualizza archivio
Archivio news letter
Newsletter
Mailing Disarmiamoli


Ricevi HTML?


pace e guerra

sono di essenza diversa.
La loro pace e la loro guerra
son come vento e tempesta.
La guerra cresce dalla loro pace
come il figlio dalla madre.
Ha in faccia
i suoi lineamenti orridi.
La loro guerra uccide
quel che alla loro pace
è sopravvissuto.

B. Brecht

 

 
I piu' letti
Immagini nel sito
Eventi
<<  December 2018  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Servitý militare per l'aeroporto civile di Catania PDF Stampa E-mail

L’aeroporto di Catania ostaggio della base Usa e Nato di Sigonella



Cosa accade al movimento aereo dell’aeroporto internazionale di Catania? Perché così pochi voli in entrata e in uscita?

“ Attualmente – si legge in una nota della SAC, la società che gestisce l’aeroporto di Catania- la criticità bloccante è determinata dal sistema del controllo del traffico aereo”, cioè dal coordinamento tra la torre di controllo gestita da Enav e l’ Aeronautica militare. In questo “coordinamento”, secondo la SAC, il traffico aereo dell’aeroporto catanese risulta fortemente penalizzato, considerato che l’Aeronautica militare consente un massimo di 20 voli ogni ora, in entrata e in uscita, che interessano l’aeroporto di Catania e quello Comiso, nel ragusano. E il numero di 20 voli viene drasticamente ridotto in alcune fasce orarie: 9 voli l’ora, fra i due aeroporti, dalle ore 21 alle 7.

Perché l’aeronautica militare italiana impone questi movimenti?

Ufficialmente, il problema di tale situazione è causato “ dalla indisponibilità di sufficiente numero di risorse nell’ufficio dell’Aeronautica Militare, ubicato a Sigonella e adibito a funzione di CTR, Control Traffic Region” . Quindi, l’Aeronautica Militare dovrebbe avere più controllori di volo sull’aeroporto di Sigonella. Attualmente, il radar in dotazione a Sigonella per il traffico degli aeroporti del sud-est siciliano è obsoleto.

Un nuovo radar ha un costo di non meno 5 milioni di euro, costo che il sindaco di Catania, Enzo Bianco(PD), vorrebbe risolvere chiedendolo alla Regione Siciliana, che, a sua volta, attingerebbe da fondi europei.

Ma è questa la vera ragione della “criticita” dell’aeroporto di Catania?

La verità è così drammaticamente palese, che in confronto i 50 milioni di euro di denaro pubblico che Bianco vorrebbe traferire all’Aeronautica militare, sono una barzelletta!

Infatti, c’è il tentativo, dalla SAC a Bianco, di nascondere questa verità, come denuncia il giornalista pacifista e antimafioso Antonio Mazzeo : “ Tutti insieme amichevolmente per occultare le vere ragioni della riduzione dei voli civili negli aeroporti di Catania e Comiso: l’iperdronizzazione della base Usa e Nato di Sigonella!

Sigonella, capitale mondiale dei droni da guerra, base avanzata per le forze speciali e di pronto intervento USA e NATO e, da oggi, anche centro strategico per i programmi di supremazia nucleare planetaria delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Segretamente, senza che mai il governo italiano abbia ritenuto doveroso informare il Parlamento e l’opinione pubblica, nella grande stazione siciliana di Sigonella la Joint Tactical Ground Station (JTAGS), la stazione di ricezione e trasmissione satellitare del sistema di “pronto allarme” USA per l’identificazione dei lanci di missili balistici con testate nucleari, chimiche, biologiche o convenzionali. Una specie di “scudo protettivo” tutt’altro che difensivo: i moderni dottor Stranamore del Pentagono puntano infatti al controllo “preventivo” di ogni eventuale operazione missilistica nemica per poter scatenare il “primo colpo” nucleare evitando qualsiasi ritorsione da parte dell’avversario e dunque i limiti-pericoli della cosiddetta “Mutua distruzione assicurata” che sino ad ora ha impedito l’olocausto nucleare”.

Rilanciamo – dichiara Luca Cangemi (PCI) – la denuncia di Antonio Mazzeo: I limiti dei voli civili su Catania dipendono dalle attività delle forze armate USA a Sigonella, in particolare i voli dei droni. Da anni diciamo che Sigonella è un ostacolo diretto allo sviluppo civile di una larga area della Sicilia”.

Altro che radar obsoleto dell’Aereonautica militare!