Martedi, 19 Giugno 2018
Menu redazione
Home
Chi siamo - Who we are
Dove siamo
Contatti-redazione
Notiziario
Comunicati
Appelli
Notizie dall'Italia
Notizie dal Mondo
English-Spanish-news

Condividi

Sezioni
Basi USA-NATO ITALIA
Link
APPROFONDIMENTI
INIZIATIVE
NOTIZIE
Multimedia
Galleria fotografica
Filmati
Mat.propaganda
Archivio per data
Visualizza archivio
Archivio news letter
Newsletter
Mailing Disarmiamoli


Ricevi HTML?


pace e guerra

sono di essenza diversa.
La loro pace e la loro guerra
son come vento e tempesta.
La guerra cresce dalla loro pace
come il figlio dalla madre.
Ha in faccia
i suoi lineamenti orridi.
La loro guerra uccide
quel che alla loro pace
è sopravvissuto.

B. Brecht

 

 
I piu' letti
Immagini nel sito
Eventi
<<  June 2018  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
Sprint della Nato PDF Stampa E-mail

La NATO accelera


Nel loro incontro, iniziato mercoledì a Bruxelles, i ministri della Difesa della NATO hanno preso atto del netto aumento dei bilanci dei loro ministeri e avviato l’ulteriore militarizzazione dell’Europa e dell’America del nord. Secondo quanto dichiarato dal segretario generale Stoltenberg, nel 2017 i bilanci  per gli armamenti dei Paesi europei membri della NATO e del Canada sono aumentati del 5%. Quest’anno salirà ad 8 il numero degli Stati che spendono per le loro forze armate una somma uguale o superiore al 2% del PIL. Stoltenberg e Washington premono perché i bilanci della Difesa salgano ancora.

La Germania si prepara inoltre, come ha confermato ieri la ministra della Difesa Ursula von der Leyen, a costruire un nuovo Quartier generale della NATO, che renda possibile in futuro lo spostamento « molto rapido » di truppe attraverso il continente europeo, il che consentirebbe avanzate fulminee fino alle immediate vicinanze della frontiera russa. Inoltre i meccanismi di controllo dei trasporti militari devono essere smantellati, ottimizzando strade, ponti, binari ed altre infrastrutture per l’uso da parte di truppe europee e nordamericane. Le sedi possibili sono Ulm e Bonn. La decisione sarà presa prima del vertice NATO di luglio.

Parallelamente, gli USA costruiscono un nuovo Quartier generale NATO che garantirà il trasporto dei rifornimenti dall’America del nord attraverso l’Atlantico o le acque dell’Artico. Secondo la NATO, la minaccia rappresentata dai sottomarini russi richiede delle precauzioni. Il riarmo autonomo dell’UE a causa delle pressioni esercitate da Parigi e Berlino ha provocato delle tensioni nell’alleanza militare occidentale, che è favorevole a misure dell’UE che « integrino la NATO » ma non alla sottrazione di forze dell’alleanza per la propria militarizzazione. Tensioni tanto più acute dato che Berlino intende allestire e gestire sotto la sua autorità il futuro quartier generale della logistica, che potrà essere usato non solo dalla NATO ma anche dall’UE.

Un rapporto dell’International Institute for Strategic Studies (IISS) pubblicato ieri lascia supporre che la fretta con la quale la NATO prosegue il suo riarmo non è dovuta solo alla volontà di mettere militarmente sotto pressione la Russia. Nel suo studio « The military balance 2018 » l’influente think-tank londinese arriva alla conclusione che il vantaggio dell’Occidente nel campo della tecnologia militare si sta esaurendo. La causa non sarebbero tanto i progressi della produzione russa di armi (tra l’altro rallentato per mancanza di soldi), quanto i rapidi progressi della Cina. La velocità alla quale la Repubblica popolare aumenta le sue capacità nell’aviazione militare è « notevole ». L’aereo da caccia Chengdu J-20, ad esempio, che potrebbe essere pronto all’impiego già nel 2020, è dello stesso livello dell’F-35 americano. Per 30 anni la superiorità aerea è stata “un vantaggio chiave per gli USA e i suoi alleati. Adesso non è più scontato”.