Home arrow APPROFONDIMENTI arrow Approfondimenti arrow La Russia e il nuovo "asse del male"
Mercoledi, 17 Ottobre 2018
Menu redazione
Home
Chi siamo - Who we are
Dove siamo
Contatti-redazione
Notiziario
Comunicati
Appelli
Notizie dall'Italia
Notizie dal Mondo
English-Spanish-news

Condividi

Sezioni
Basi USA-NATO ITALIA
Link
APPROFONDIMENTI
INIZIATIVE
NOTIZIE
Multimedia
Galleria fotografica
Filmati
Mat.propaganda
Archivio per data
Visualizza archivio
Archivio news letter
Newsletter
Mailing Disarmiamoli


Ricevi HTML?


pace e guerra

sono di essenza diversa.
La loro pace e la loro guerra
son come vento e tempesta.
La guerra cresce dalla loro pace
come il figlio dalla madre.
Ha in faccia
i suoi lineamenti orridi.
La loro guerra uccide
quel che alla loro pace
è sopravvissuto.

B. Brecht

 

 
I piu' letti
Immagini nel sito
Eventi
<<  October 2018  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
La Russia e il nuovo "asse del male" PDF Stampa E-mail

Bolton, gli Usa, la guerra. E “la sinistra” nel teatrino…


C’è un vago senso di nausea e soffocamento nel seguire il cosiddetto “dibattito” nella cosiddetta “sinistra”, comprese larghe parti della sua versione “radicale”. Stupisce e preoccupa, in questi ambiti, una prevalenza assoluta dell’attenzione sulle vicende di cortile, più precisamente sulla “competizione” interna, nella compulsiva ricerca di una impossibile “egemonia” su un’area che va restringendosi – con lodevoli e importantissime eccezioni, concentrate in genere intorno a Potere al Popolo – per assoluta indifferenza alla realtà dei problemi sociali, europei, geopolitici.

Come sempre, più che dare un nome a queste “tendenze”, ci interessa individuarne la logica interna, convinti come siamo – a dispetto dei tanti tentativi andati a vuoto – che la razionalità del reale possa alla fine far breccia anche negli schemi più incancreniti.

Una logica che avevamo sommariamente descritto così:

la logica per cui tutto ciò che conta è conquistare qualche seggio, avere una presenza purchessia, e poi vedere… E’ la logica per cui “i programmi” sono lunghi elenchi di promesse (che nessuno legge…) che torneranno utili solo alle elezioni successive, mentre intanto – se hai avuto la fortuna di avere un seggio – voti pro o contro le singole leggi in base a un calcolo esclusivamente politicista (“cosa ce ne viene se…”).

Si potrebbero aggiungere numerosi altri vizi (la pretesa che “il metodo della condivisione” sia applicato come diritto di veto individuale, il parlare per allusioni, l’attribuire ai compagni di viaggio posizioni che non hanno, ecc), ma nulla è più grave dell’interpretare l’attività politica come esibizione di sé (individuo o collettivo), invece che come conflitto tra classi sociali e relative rappresentanze per il potere di dare un ordine o un altro all’assetto produttivo, sociale, culturale. Un conflitto che richiede risposte efficaci, serietà, affinamento di competenze, verifica delle idee

Le conseguenze di questa logica sono sotto gli occhi di tutti, meno che di chi ancora la applica: l’estraneità della “sinistra” alla lotta politica reale, tanto da ridurla a pulviscolo ininfluente ma supponente.

Premessa forse troppo lunga rispetto alla pochezza dell’oggetto, ma ci sembrava necessaria per misurare lo scarto tra questo chiacchiericcio e quanto va maturando nel mondo.

Viviamo in tempi che corrono veloci verso esiti che nessuno sa prevedere, ma comunque altamente conflittuali; che ripropongono con inattesa forza i fantasmi della guerra mondiale alle porte.

Publichiamo qui un articolo apparso sul Washington Post che inquadra meglio la figura del nuovo “consigliere per la sicurezza” scelto da Donald Trump in sostituzione del tenente generale H.R. McMaster. Mettere ideologo guerrafondaio al posto di un generale (il governo di Trump ne è piena quanto una giunta golpista) significa privilegiare le forzature avventurose rispetto al brutale, ma realistico, calcolo dei rapporti di forza. Se poi questo “amore del rischio” pretende di far nuova forma ai rapporti con un’altra potenza nucleare come la Russia c’è sicuramente materia di cui preoccuparsi. Molto e subito.

C’è ancora qualcuno, in questo paese in questa parte del mondo, che sappia cogliere (non “stabilire” arbitrariamente) la gerarchia di importanza tra i problemi? Ossia le connessioni che legano fatti apparentemente lontani e la nostra vita concreta?

Pensiamo di sì, ma deve immediatamente sottrarsi al chiacchiericcio inconcludente di chi, in assenza completa di idee, si gingilla con l’ego.

C’è troppo da fare e pensare, per preoccuparsi di loro…

*****

Per John Bolton la Russia è parte di un nuovo “asse del male”

Josh Rogin – Washington Post

John Bolton è intelligente ed efficace. Ecco perché dovremmo essere preoccupati.

L’editore di Democracy Post, Christian Caryl, afferma che il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente Trump è più capace di altri funzionari. Questo è il problema. (Gillian Brockell / The Washington Post)

L’amministrazione Trump sembra essersi indurita in Russia, ma non abbastanza velocemente per il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale. John Bolton vuole che il presidente Trump vada all’offensiva contro Mosca – e non solo quando si tratta dell’interferenza di Vladimir Putin nella democrazia americana.

Parlando il mese scorso al Daniel Morgan Graduate School of National Security, Bolton ha esposto la strategia che suggerisce per rispondere alle ingerenze della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016 e all’aggressione russa in tutto il mondo. Bolton non sapeva che, solo alcune settimane dopo, sarebbe stato in grado di sostenere la sua strategia come principale aiutante di politica estera del presidente.

L’amministrazione Trump non ha fatto abbastanza per rispondere all’attacco della Russia contro gli Stati Uniti e le nostre istituzioni democratiche”, ha detto Bolton, e “Putin deve pagare un prezzo pesante per le sue azioni”.

“Penso che questo sia in realtà ora un momento perfetto, per il presidente Trump, per fare chiarezza sul fatto che non permetterà ulteriori ingerenze russe o l’ingerenza da parte di nessun altro governo straniero nel nostro processo elettorale”, ha detto Bolton. “Se tu pensi che [i russi] stiano cercando di colludere con la campagna di Trump o con quella di Clinton, la loro interferenza è inaccettabile. È davvero un attacco alla Costituzione americana”.

Gli Stati Uniti dovrebbero rispondere nel “cyberspazio e altrove”, ha detto Bolton, suggerendo un’azione offensiva contro gli agenti russi che hanno perpetrato l’interferenza. Solo se la risposta è schiacciante, la Russia e altri paesi saranno scoraggiati.

“Non penso che la risposta debba essere proporzionata, penso che dovrebbe essere molto sproporzionata”, ha detto.

Ma Bolton non vuole che Trump si fermi qui. Come ha spiegato durante le sue ampie osservazioni, gli Stati Uniti dovrebbero anche respingere una serie di trasgressioni del Cremlino: il suo sostegno alla Siria, la sua alleanza con l’Iran, il suo indebolimento delle sanzioni della Corea del Nord e il suo coordinamento con la Cina per contrastare l’Occidente.

Nella visione del mondo di Bolton, la Russia fa parte di una serie più ampia di sfide che devono essere affrontate insieme. Gli avversari dell’America formano una rete che lavora insieme in modi complessi. Bolton ha affermato che la Russia e la Cina “si sosengono l’un l’altro” nelle Nazioni Unite e hanno una “divisione del lavoro territoriale de facto in tutto il mondo”.

L’alleanza Russia-Iran in Siria rappresenta una minaccia in tutta la regione, ha detto Bolton, il che significa che gli Stati Uniti non possono collaborare in modo credibile con la Russia contro il terrorismo. “Questa penetrazione russa in Medio Oriente ha avuto conseguenze molto significative”, ha affermato. “Sono allineati con il finanziatore del terrorismo più importante del mondo”.

Nel frattempo, “l’Iran e la Corea del Nord stanno collaborando sui missili balistici e forse anche nell’area della tecnologia nucleare”. Ciò significa che i problemi sono collegati, ha detto Bolton, e uno non può essere risolto senza l’altro. Dopo la guerra in Iraq, che Bolton continua a difendere, “la Corea del Nord e l’Iran hanno continuato e continuato in un modo che dimostra la vitalità della metafora dell’asse del male”, ha affermato.

A partire dal mese scorso, Bolton ha visto poco vantaggio – e un notevole inconveniente – per avviare negoziati con la Corea del Nord. “Nell’area della proliferazione nucleare, il costo della negoziazione è la perdita di tempo”, ha affermato.

George Will: Il presidente americano non è più la persona più potente del mondo

L’editorialista George F. Will afferma che la politica economica del presidente Trump ha ceduto il palcoscenico mondiale alla Cina. (Gillian Brockell, Kate Woodsome, James Pace-Cornsilk / The Washington Post)

Nel complesso, Bolton vede che Trump deve affrontare una serie di problemi e sfide sono “le bollette dovute dall’inattività delle amministrazioni precedenti che stanno arrivando ora”.

Bolton è trasparente riguardo alla sua visione. Vuole usare la forza militare per impedire alla Corea del Nord – e forse anche all’Iran – di costruire la capacità di lanciare un attacco nucleare contro gli Stati Uniti. È scettico sul fatto che l’America sarebbe in grado di fermare la diffusione delle armi nucleari in qualsiasi altro modo.

“Chiunque dica in un mondo multipolare, la deterrenza funziona come ha fatto nella Guerra Fredda, sta semplicemente facendo ipotesi”, ha detto.

La posizione di Bolton sulla Russia sembra in contrasto con quella di Trump, che ha ripetutamente affermato di voler mantenere relazioni cordiali con Putin nella speranza di migliorare le relazioni USA-Russia. Ma la maggioranza degli altri consiglieri di Trump è in sintonia con la visione di Bolton.

Nikki Haley, l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha condannato la Russia al Consiglio di sicurezza martedì per aver massacrato i civili siriani mentre ignorava il suo accordo per il cessate il fuoco.

Sempre martedì, il segretario alla Difesa Jim Mattis ha affermato che il Cremlino ha usato un’arma di distruzione di massa in un caso di “tentato omicidio” in Gran Bretagna contro un’ex spia russa.

Come risposta all’azione della Russia in Gran Bretagna, il consigliere per la sicurezza nazionale in carica, H.R. McMaster, ha condotto un processo tra agenzie che ha comportato l’espulsione questa settimana di 60 diplomatici russi. La Casa Bianca ora dice che spetta alla Russia cambiare il suo comportamento, se vuole migliori relazioni con gli Stati Uniti. Se Putin è interessato, potrebbe voler agire velocemente.

E’ previsto che Bolton entri in carica il 9 aprile.